Alla scoperta della Piramide Alimentare

Avete mai sentito parlare di piramide alimentare e dieta mediterranea? Ora vi spiego di cosa si tratta.

La piramide alimentare, nella sua rappresentazione grafica semplice ed immediata, racchiude tutti i principi della dieta mediterranea che garantisce benessere e previene patologie legate ad una scorretta alimentazione e stile di vita.

 

Come si legge la piramide?

E’ molto semplice, si legge dal basso verso l’ alto, alla base troviamo gli alimenti da consumare con più frequenza, quotidianamente mentre salendo si incontrano gli alimenti da consumare con meno frequenza, fino ad arrivare

all'apice.

 

La piramide alimentare per bambini dai 4 anni in su segue, grosso modo, le stesse indicazioni fornite per adulti, cambiano sicuramente le porzioni che devono essere idonee all'età e alla attività fisica svolta dal bambino.

Ma vediamole nel dettaglio:

·       Per stare bene il bambino deve, come l’adulto, svolgere ogni giorno movimento ma trovare anche un momento della giornata per riposarsi e recuperare forza ed energia.

·        La tranquillità e la compagnia devono essere i protagonisti dei suoi pasti, oltre al cibo che trova nel piatto. Mai abbandonarlo da solo a mangiare davanti alla TV.

·       Alla base della dieta troviamo, insieme all'acqua gli alimenti che non devono mai mancare nella giornata del bambino: frutta e verdura che assicurano vitamine, minerali e importanti antiossidanti, alimenti ricchi di carboidrati che danno energia e l’olio extravergine di oliva che rappresenta il miglior condimento.

·       Tutti i giorni, per una crescita ottimale, vanno assicurati al bambino 2 porzioni di alimenti fonte di calcio: latte, yogurt e formaggi.

·       Ai piani più alti della piramide si trovano gli alimenti ricchi di proteine che, anche nella dieta dei più piccoli, devono variare durante la settimana, senza esagerare con le porzioni e preferendo i legumi, la carne bianca, il pesce e le uova alla carne rossa e ai salumi.

·       Infine nell'apice troviamo i dolci e gli snack, da consumare con moderazione ed occasionalmente, perché troppo ricchi di calorie, zuccheri e grassi.

 

Il consiglio fondamentale è quello di cercare di offrire al vostro bimbo ma anche a voi stessi una dieta il più vario possibile, sperimentate in cucina con i vostri bambini, impastate, create, provate nuovi sapori stando sempre attenti alla stagionalità e alla provenienza dei prodotti scelti.

 

 Giulia Locatelli - Tecnologo Alimentare

Scrivi commento

Commenti: 0